Cena di San Martino

Il 12 Novembre presso la nostra Sala Ristoro abbiamo festeggiato San Martino, patrono dei cavalieri, dei viaggiatori, dei ristoratori ed anche dei mariti…….cornuti. La cena si è aperta con la citazione di un proverbio legato alla festa di San Martino: Chi non gioca a Natale, chi non balla a Carnevale, chi non beve a San Martino è un amico malandrino“.

                                                                                                                                                                                                                                                  La serata è iniziata con la distribuzione del Pane Martino, fatto con farina di castagne noci. Un tempo era tradizione, il giorno di San Martino, preparare il pane che veniva benedetto durante la celebrazione della Santa Messa e poi veniva distribuito al Popolo.

 

 

Abbiamo eseguito poi il “Rito della Secchia“: un tempo i produttori di vino in questi giorni spillavano il vino nuovo dalle botti. Tutti i produttori il giorno di san Martino portavano un pò del loro vino e lo versavano in una grande secchia che veniva poi offerta al Santo. Il giorno seguente il vino veniva poi bevuto per festeggiare ed onorare il Santo.

 

La Cena è proseguita con la narrazione della vita del Santo e delle gesta che lo hanno reso il Santo più acclamato e venerato dell’alto medioevo

             

 

La serata si è conclusa con il dolce dedicato a San Martino: Composta di castagne con zabaione al rum, biscottini di farina di castagne, sugolo.

 

 

 

 

Be Sociable, Share!